Mario Amico PDF Stampa E-mail
Persone - Scrittori, poeti, saggisti, storici

Mario Amico è nato a Caltanissetta nel 1942 dove opera e risiede. È impegnato in diverse discipline artistiche quali la poesia e la pittura. È presente in importanti antologie e difende energicamente - con amore - le sue radici, attraverso vari convegni, recital e manifestazioni che riguardano il dialetto siciliano. Il dialetto nisseno, quello da Lui adottato, il quale per certe forme può sembrare particolarmente chiuso, è ugualmente pregno e ricco di simbologie, e fatto di un lessico di un’area linguistica dell’entroterra siciliano che ritengo - venga - salvaguardato. In queste poesie Mario Amico evoca realtà di un mondo oramai scomparso e, per chi come me, è figlio di un ex lavoratore della miniera , densi e forti sono i sentimenti indelebili espressi. Chiari sono i riferimenti al suo trentennale lavoro professionale in qualità di funzionario nella miniera di “Giurmentaru”, ed i soggetti ricordano la vita delle zolfare e le sofferenze di chi ci lavorava.

Mario Amico, artista sicilianu, nascìu a Caltanissetta ntô 1942 e campa e òpira ancora ntâ citati nissena. Travagghiau pi trent'anni 'n qualitati di funziunariu ntâ minera di "Giurmentaru". Oi iddu è mpignatu 'n disciplini artìstichi diversi quali la puisìa e la pittura.
Pubbricazzioni [cancia]

Mario Amico, ca scrivi 'n dialettu nissenu, è prisenti 'n antoluggìi mpurtanti e addifenni cu energìa e amuri li sò ràdighi, attraversu vari cunvegni, recital e manifistazzioni ca riguàrdanu la lingua siciliana.

 

Nta li sò puisìi, iddu èvuca la rialitati d'un munnu oramai scumparsu: chiddu dî "surfaràra" (li travagghiatura dâ minera). Li suggetti arricòrdanu la vita dî surfàri (mineri di sùrfaru) e di cu ci travagghiava.


SURFÀRA
Calatu
di na trìzza d’ azzàru,
scinnu nnò scùru
d’un pùzzu funnùtu.
Mèntri l’ùrtimi gocci
di sùli s’appojanu
liggì sùpra mùra vàgnati.
Di ‘ncàntu,
I culùra scumparìnu,
stringiùti d’un màntu scurùsu.
Mi ggìru e rrigiru e m’arritrùvu
mmìzzu a ùmmiri rànni mpiciàti.
Ccàssutta,
u mùnnu pàri scurdàtu.
Na lumèra, tanticchija di lùstru
e mmizzu a piriculi
ggènti silenziùsa,
travàglia s ‘ affànna.
E cùmu sù’ vicìni e luntàni
l’azzurru i muntàgni à vita;
Ccàssutta,
né sùli né stìddi:
quànnu càngianu l’ùri,
ccassutta, ùcchi sbarràti,
ùmmiri rànni di pìci. . .vistùti.

ZOLFARA
Disceso
da una treccia d’acciaio,
scendo nel buio
d’un pozzo profondo.
Mentre le ultime gocce
di sole s’appoggiano
leggere sopra mura bagnate.
D’incanto,
i colori scompaiono,
stretti d’un manto nero.
Mi giro e rigiro e mi trovo
in mezzo a ombre grandi di pece.
Qui sotto
il mondo sembra scordato.
Un lume, un po’ di luce
e in mezzo a pericoli
gente silenziosa,
lavora si affarma.
E come sono vicini e lontani
l’azzurro le montagne la vita;
Qui sotto,
né sole né stelle;
quando cambiano le ore,
qui sotto occhi sbarràti
ombre giganti di pece.. .vestite.

SURFÀRA ABBANNUNÀTA
Sùla,
cùmu na còsa ca nun cùnta
mi lassàstivu, nni sta cònca sdisulàta
tra stu silènziu ca mi vànnija dintra u pìttu.
All’èbbica, parò tùtti:
carusi ,vagunara e picunera;
mi sucàstivu u sàngu
mmizzu a sti vanèddi nzurfaràti.
E ch’era allègra a jurnàta
di la ggiùsta quannu
ch ‘è sacchètti chìn’ i gràna,
si cantàva:” Lu sabbàtu
si chiama allègra còri”.
Ju vànitusa cùmu i sciuri
ntà stasciùni cuntènta mi sintìja,
a dàrivi u manciàri ppa famiglia.
Ora mmèci,
pàssu iurnàti i na manera
e nnà campagna ca sàpi di gramigna,
nun c’è n’àrma ca sùda a la virsùra.
Camina lintu u sùli nnò vaddùni
e quànnu tracodda a la muntàgna
m’arrizzìttu u jazzu ppa nuttàta.
Ppi linzòla, ci mittu l’amàrìzzi
ppi chjumàzza na curùna di pinzera.
E ccu sta lùna, c’acchjana lènta,
zzuccarìna in mènti, carùsi, mi viniti.
Mèntri u lùstru di na citulèna
ca s’adduma,
m’arriporta: sirèna... signurìna.

ZOLFARA ABBANDONATA
Sola,
come una cosa che non conta
mi avete lasciata in questa conca desolata
tra questo silenzio che mi grida dentro il petto.
All’epoca però tutti:
ragazzi ,vagonari e picconieri
mi succhiaste il sangue
in mezzo a queste vie piene di zolfo.
E ch’era allegra la giornata
della paga quando
con le tasche piene di soldi,
cantavamo: “Il sabato si chiama
allegro il cuore”.
Io vanitosa come i fiori
nell’estate , contenta mi sentivo
nel darvi il mangiare per la famiglia.
Ora invece,
passo giorni uguali
e nella campagna piena di gramigna,
non c’è nessuno che lavora.
Cammina lento il sole nella valle
e quando tramonta dietro la montagna
mi preparo il letto per la notte.
Per lenzuoli ci metto le amarezze
per cuscini una corona di pensieri.
E con questa luna, che sale lenta
zuccherina in mente giovani mi venite.
Mentre la luce di una lampada
che s’accende,
mi riporta:serena ... signorina.

Fonte http://www.ninorosalia.it/castello/c10_05.pdf
Fonte wikipedia sicilia

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img]   
:D:angry::angry-red::evil::idea::love::x:no-comments::ooo::pirate::?::(
:sleep::););)):0
 

Galleria Fotografica

Condividi questo sito

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinRSS Feed

Video

You need Flash player 6+ and JavaScript enabled to view this video.
Title: Processione Gesù Nazareno
Playlist: 0 | 1

Amici della Miniera

Amici della Miniera

Strumenti

Ci trovi anche su...

  • Facebook:
  • YouTube:
  • Flickr:

Contatore Visite


Oggi:25
Ieri:107
Mese Attuale:1933
Mese Precedente:3353
Totale Visite:115933

Home | RSS Feed
Copyright 2011 "Piccola Atene". Per ulteriori informazioni fare riferimento al disclaimer.
Licenza Creative Commons

Il sito e tutto il materiale in esso contenuto è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0
Proudly Powered by Joomla Design by : Free Joomla 1.5 Template | Supported by : Modern Home Design | CSS | XHTML

Top